Potrebbero esserci motivi passionali alla base dell’omicidio compiuto questa mattina in via Galvani, a Terni, del quale e’ rimasto vittima un muratore albanese di 49 anni, colpito con diversi colpi di pistola all’addome. Ad ipotizzarlo sono i carabinieri del Nucleo investigativo del comando provinciale ternano che starebbero concentrando gli accertamenti su un connazionale dell’uomo. Con lui – stando alle testimonianze raccolte dai militari tra i residenti della zona – la vittima avrebbe avuto una lite in strada, dopo essere uscito dalla sua abitazione, nella stessa via, per recarsi al lavoro.

Dopo gli spari il quarantanovenne si e’ accasciato a terra a diversi metri di distanza dalla sua auto. Inutili i tentativi di rianimarlo da parte del 118 e l’uomo e’ morto poco dopo il trasporto in ospedale. La pistola che sarebbe stata usata per l’omicidio e’ stata poi recuperata dai carabinieri in un bidone dell’immondizia. E’ ora al vaglio degli investigatori. Sul posto si sono recati anche il questore di Terni Antonino Messineo e il magistrato di turno, il sostituto procuratore Raffaele Pesiri.

il racconto di un testimone dal canale You Tube di Tele Galileo https://youtu.be/EzPYBo0KeTo