Un giovane romeno, gia’ inquisito in passato e proveniente da un campo nomadi di Roma, e’ stato allontanato da Orvieto dalla Polizia che gli ha notificato un provvedimento di divieto dal fare ritorno in quel comune per tre anni. Il 21enne, chiedeva l’elemosina di fronte al Duomo orvietano fingendo di essere invalido e molestando i passanti con pressanti richieste di denaro. In realta’ – spiega la Polizia – era del tutto autosufficiente. Il ragazzo, seduto in terra e all’apparenza incapace di muovere gli arti inferiori, era stato notato e redarguito per le sue richieste da una commerciante che è stata minacciata decidendo di chiamare gli agenti. Al loro arrivo lo hanno riconosciuto per averlo controllato, alcuni giorni prima, mentre girovagava in centro, con passo definito “agile e sicuro”. La commerciante si e’ riservata di sporgere querela per le minacce subite.