E’ stata definitivamente archiviata l’inchiesta della procura di Terni che vedeva indagati, con l’accusa di omicidio volontario, quattro albanesi, che sono stati così prosciolti, nell’ambito della morte di Gabriella Zelli Listanti, avvenuta durante una rapina in casa il 13 gennaio 2015.

Il gip Simona Tordelli ha infatti accolto la richiesta avanzata in tal senso dalla procura e respinto l’opposizione avanzata invece dal legale di parte civile, Marta Giansanti, che rappresenta i due figli della vittima. “Dopo due anni e mezzo – ha commentato il legale – questo delitto e’ senza un colpevole”, aggiungendo che i familiari di Zelli Listanti “sono molto scossi e amareggiati per questa decisione, che non si aspettavano. Ci consulteremo con i miei clienti per decidere il da farsi – ha annunciato ancora l’avvocato – ma al momento abbiamo le mani legate in quanto il codice non ci consente il ricorso in Cassazione”.

La parte civile si era gia’ opposta, un anno fa, ad una prima richiesta di archiviazione della procura, ottenendo dal gip lo svolgimento di nuovi accertamenti. Ora pero’ l’archiviazione.

Hanno invece sempre sostenuto l’estraneita’ alle accuse dei loro assistiti i difensori degli indagati, gli avvocati Francesco Mattiangeli, Massimo Proietti, Giorgio Cerquetti, Maurizio Quadrini e Daniela Paccoi, oggi soddisfatti della

decisione del gip. I quattro albanesi erano stati individuati nell’ambito di un’operazione della polizia che, nel febbraio 2015, aveva portato all’arresto di una banda specializzata nei furti in abitazione.