Formati i primi 31 volontari soccorritori dall’Opera Pia Pubblica Assistenza dopo essere diventata centro di formazione N.R.C. (National Rescue Council) per l’addestramento di personale laico (B.L.S.D. e P.T.C.) e personale sanitario (A.L.S.) della Regione.

“Nella vita ultracentenaria dell’Opera Pia Pubblica Assistenza – afferma il presidente Lamberto Morelli – si è sempre lavorato per crescere e migliorarsi. In quest’ottica si inserisce il corso di formazione volto a creare figure professionali qualificate che, mi auguro, continuino il loro cammino all’interno della nostra realtà. In ogni caso il successo del corso ci spinge ad impegnarci per organizzarne di nuovi. Un ringraziamento va a tutti coloro che hanno lavorato per la buona riuscita del corso e in particolare a Luigi Eresia”.

N.R.C. è accreditato in Umbria come soggetto abilitato all’erogazione di corsi di formazione finalizzati al rilascio dell’autorizzazione dell’utilizzo del DAE ai sensi del D.G.R. Umbria n. 1720 del 22/12/2014. Questo fa dell’Opera Pia Pubblica Assistenza centro di riferimento regionale.
Adesso ad attendere i 31 volontari soccorritori c’è un periodo di affiancamento al termine del quale otterranno la promozione a “milite volontario”.

“Sono molto soddisfatto perché si è creato anche un bel gruppo. In questi tre mesi – sostiene Luigi Eresia, responsabile del corso – i partecipanti al corso hanno svolto prove teoriche e pratiche che gli sono servite per capire qual’è il ruolo del volontario soccorritore”.

L’Opera Pia Pubblica Assistenza è presente in città da 120 anni. Recentemente dopo l’ acquisto di due autoambulanze progettate per il trasporto di pazienti critici e critici neonatali è stato potenziato il turno, orario 20-08 per garantire il servizio a sostegno del Pronto Soccorso per eventuali dimissioni di soggetti ricoverati.