Due giovani albanesi, di 22 e 23 anni, uno dei quali già colpito da un ordine di espulsione, sono stati denunciati dalla Polstrada di Orvieto. I due avevano fatto rifornimento di carburante in una stazione di servizio lungo il tratto umbro dell’A1, nei pressi di Giove, e sono fuggiti senza pagare. Sono stati bloccati dalla Polizia Stradale di Orvieto dopo un inseguimento a grande velocità durato una ventina di chilometri, durante il quale hanno anche cercato di speronare l’auto degli agenti. All’altezza di Magliano Sabina, i due hanno abbandonato la vettura e cercato di fuggire a piedi. Alle operazioni di ricerca hanno partecipato anche gli agenti della Polstrada di Roma Nord ed i Carabinieri di Magliano Sabina. Nella loro auto sono stati trovati cinque grammi di cocaina, oltre a vari oggetti d’oro, dei quali i due non hanno saputo giustificare la provenienza. Per questo, oltre che di resistenza a pubblico ufficiale, dovranno rispondere anche di detenzione di stupefacenti e ricettazione. La vettura sulla quale viaggiavano i due albanesi, una Volkswagen Polo, era priva di assicurazione ed intestata ad un siciliano risultato proprietario di circa 160 veicoli. Sono in corso indagini per capire il ruolo dell’uomo, probabile prestanome.