Tre persone sono state arrestate dai Carabinieri di Terni che hanno anche provveduto a sequestrare oltre mezzo chilo di droga. Si tratta di una 46enne marocchina, del figlio 23enne e del compagno della donna, un 37enne di origine siciliana da tempo residente a Terni, accusati di aver spacciato hascisc, cocaina e marijuana a giovanissimi e quarantenni ternani, nella propria abitazione di Gabelletta, alla periferia della citta’, o nei pressi dei locali pubblici del centro storico. I tre, considerati una famiglia “di fatto”, sono stati bloccati in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip.

In base a quanto sottolineato in una conferenza stampa dai militari, i tre cedevano lo stupefacente in varie zone della citta’, ma soprattutto sulla soglia della loro abitazione – protetta anche dalla presenza di tre rottweiler particolarmente aggressivi – grazie ad un vasto giro di assuntori, anche proveniente dai comuni vicini, e alla varieta’ di droga immessa sul mercato. Questa sarebbe stata pero’ in alcuni casi di scarsa qualita’, tanto da obbligare i clienti a ricorrere alle cure mediche.

I tre – sempre secondo quanto riferito dai Carabinieri – avrebbero inoltre spacciato “a credito”, in quanto il saldo del pagamento delle dosi da parte degli stessi clienti avveniva in un secondo momento rispetto alla cessione e potuto contare su una fitta rete di collegamenti informativi, basati sull’utilizzo della comunicazione via Whatsapp, cosi’ da eludere eventuali intromissioni da parte degli inquirenti. L’operazione, svolta con intercettazioni, riprese video e pedinamenti, ha gia’ portato, nei mesi scorsi, all’arresto di altre due persone, secondo gli investigatori collegate alla rete di spaccio della famiglia bloccata, e ora anche alla denuncia di ulteriori sette (quattro stranieri e tre italiani) e alla segnalazione di una ventina di assuntori. La droga sequestrata, recuperata in parte dai militari nelle auto, negli scooter e negli zaini degli acquirenti, ammonta a 500 grammi di hascisc e 50 di cocaina, per un valore complessivo di circa 5.000 euro.