Questa mattina, l’Assessore comunale alla Protezione Civile, Stefano Bucari, ha fatto il punto della situazione a Terni. In queste ore, stanno arrivando – in città – un centinaio di sfollati provenienti dalle zone terremotate di Norcia, in particolare anziani e famiglie, che saranno ospitati in alcune strutture ricettive cittadine. Tra loro anche dipendenti pubblici che lavoreranno temporaneamente nelle sedi ternane dei rispettivi enti. Quattordici persone non autosufficienti, con disabilita’ gravissima, provenienti dall’ospedale di Cascia, sono invece gia’ ricoverate nel centro geriatrico gestito dall’Usl Umbria 2. Eventuali altri aiuti, come generi alimentari o beni di prima necessita’, vengono invece raccolti nel centro coordinato dalla Protezione civile di via Luigi Casale, a Maratta.

Per quanto riguarda gli effetti del sisma nel ternano, l’assessore municipale ha spiegato che sono stati 150 i siti pubblici controllati e 350 le richieste di verifica arrivate in Comune da parte dei privati. Per svolgere i controlli, l’amministrazione di Palazzo Spada ha istituito una task-force composta da 46 tecnici dell’amministrazione comunale. Sul versante dell’edilizia scolastica le verifiche non hanno riscontrato danni ed i siti sono tutti agibili, tranne la palestra della Oberdan, che presentava lesioni precedenti al sisma di domenica scorsa. Gia’ previsti, inoltre, adeguamenti sismici alle scuole dell’infanzia Donatelli e Cardeto e alla primaria Carducci.