Avevano appena rubato un notebook da un ufficio lì vicino, nascondendolo sotto il giubbotto. Una pattuglia di Carabinieri, in normale servizio di controllo del territorio, li ha però notati e bloccati. Si tratta di una coppia di ternani, un 23enne ed una 44enne, a loro noti in quanto entrambi assuntori di sostanze stupefacenti e gravati da numerosi precedenti di polizia inerenti la commissione di reati contro il patrimonio.

Dopo aver verificato che l’apparecchio apparteneva ad una professionista che aveva il proprio ufficio nei pressi, il quale presentava la porta d’ingresso forzata ed un evidente soqquadro al suo interno, i militari hanno arrestato i due per furto aggravato in concorso e posti ai domiciliari in attesa della direttissima. Il computer, del valore di 1.000 euro, è stato riconsegnato alla proprietaria che non si era ancora accorta di quanto accaduto.