Ha portato alla denuncia di 12 persone ed all’emissione di 38 sanzioni, per un ammontare complessivo di 67 mila euro, la vasta azione di controllo messa in atto – tra il luglio ed il settembre scorso – dal Corpo Forestale dello Stato in 164 aree industriali di tutta l’Umbria, per contrastare le inadempienze e le irregolarita’ ambientali. Le indagini hanno soprattutto riguardato la gestione e lo smaltimento dei rifiuti, pericolosi e non, principalmente nel settori meccanico, autofficine, carpenterie, produzione di materie plastiche, galvanizzazione e altro. 58 i controlli attuati in provincia di Terni, dai quali sono scaturite quattro denunce ad altrettanti titolari di aziende e 31 sanzioni per oltre 26 mila euro. Oltre alla irregolare gestione dei rifiuti, la Forestale ha accertato, in due casi, irregolarita’ inerenti lo scarico di acque reflue inquinanti senza autorizzazione.