Il Gup di Terni Massimo Zanetti, ha disposto nuovi accertamenti in merito all’omicidio di Sandro Bellini, trovato morto nel maggio scorso nelle acque del fiume Velino. Nell’ambito del processo con rito abbreviato nei confronti di Andriy Alan, l’ucraino accusato di avere ucciso il 53enne ternano, il giudice ha infatti accolto le richieste avanzate dai legali della difesa, disponendo delle verifiche sul cellulare dell’arrestato per verificare la presenza di una foto dell’auto della vittima che l’uomo avrebbe poi inviato, via bluetooth, ad altre persone a suo dire coinvolte nell’omicidio. Dispoti, poi, nuovi esami su vari reperti sequestrati e sul corpo della vittima. Gli accertamenti saranno svolti dagli esperti del Ris di Roma e da una genetista e verrà ascoltato il medico legale che ha svolto l’autopsia sul corpo della vittima. Il processo è stato aggiornato al 24 ottobre prossimo.