Gli inquirenti lo ritengono essere responsabile di almeno cinque colpi compiuti dall’agosto scorso ai danni di alcune attività commerciali di Terni, in particolare ‘spaccate’ in alcuni bar, il 50enne ternano arrestato dalla Polizia dopo una rapina in una stazione di rifornimento di viale Borzacchini.

È stata la titolare del locale che si trova vicino alla stazione di servizio a chiamare il 113 dopo avere trovato la vetrina sfondata con una mazza di ferro legata ad un cordino (utilizzata per i lanci a distanza) e la cassa vuota. Gli agenti della squadra volante giunti sul posto hanno sequestrato un ciclomotore, risultato rubato due giorni prima in un’altra zona della città, un casco, una felpa, altri attrezzi da scasso e un violino con alcuni quaderni, anche questi rubati poco prima in una scuola di musica.

Dell’autore del colpo apparentemente nessuna traccia: poi si è scoperto che l’uomo, particolarmente esile, si era nascosto sotto il bancone, mimetizzandosi tra i sacchi della spazzatura. Gli agenti lo hanno bloccato.