Gli inquirenti lo ritengono essere un personaggio di spicco nello smercio di eroina e cocaina nelle zone di Perugia di Monteluce e Ponte San Giovanni. E’ un 48enne tunisino, arrestato dalla squadra mobile della Questura del capoluogo regionale insieme ad un suo connazionale e coetaneo, accusato di essere un attivo spacciatore agli ordini dell’altro nordafricano. A carico di entrambi, è stata eseguita una ordinanza di custodia cautelare.

Secondo la Polizia, il magrebino era in grado di piazzare almeno 100 grammi a settimana, tra eroina e cocaina, proveniente da vari canali. Stupefacente – ha accertato la squadra mobile – che veniva poi smerciato a clienti tunisini a loro volta spacciatori.