La Forestale di Terni ha comminato oltre 20 mila euro di multe ai titolari di due ditte boschive che hanno tagliato abusivamente querce secolari in due località del ternano. A Monte Restano di Piediluco una delle ditte ha tagliato sei ettari di bosco senza lasciare a dote, come prevede la specifica normativa forestale regionale, le piante matricine dei vecchi turni e senza preservare dal taglio le piante di grandi dimensioni. Il legale responsabile della ditta è stato quindi multato per 18.000 euro. A Piedimonte, in una zona di alto valore paesaggistico e a rischio idrogeologico, un’altra ditta ha tagliato un bosco rilasciando come piante matricine alberi non idonei, oltre ad aver causato danneggiamenti del suolo, delle ceppaie ed aver sconfinato nel bosco limitrofo di proprietà del Comune. In questo caso al responsabile legale è stata comminata una sanzione di 2.000 euro.