Continuano gli intensi controlli del territorio della Polizia ternana finalizzati alla prevenzione dei reati predatori e al contrasto del crimine diffuso. Ieri pomeriggio, durante i controlli agli avventori dei locali pubblici, la Squadra Volante ha rintracciato un tunisino di 32 anni, irregolare in Italia perché la Questura di Firenze gli aveva rifiutato il rinnovo del permesso di soggiorno. Accompagnato all’Ufficio Immigrazione, gli è stato notificato il provvedimento di espulsione dal Territorio Nazionale. Espulso anche un egiziano di 21 anni, rintracciato dagli agenti sempre ieri pomeriggio in centro, che oltre ad essere espulso è stato anche denunciato per non aver ottemperato ad un precedente provvedimento espulsivo emesso dalla Questura di Isernia. Due provvedimenti di divieto di ritorno nel Comune di Terni per tre anni sono stati invece emessi nei confronti di un 45enne residente ad Arezzo, con precedenti per furto e per reati contro la persona, fermato mentre vagabondava in centro e di un romeno residente a Biella, con precedenti per furto, fermato alla guida di un’auto con targa romena. Il Foglio di Via Obbligatorio è stato invece applicato questa mattina nei confronti di un giovane nigeriano, identificato dalla Squadra Volante intervenuta in via Piave per una lite fra stranieri. Gli agenti sono stati chiamati perché due africani stavano litigando per il posto dove chiedere l’elemosina davanti ad un esercizio commerciale. Uno è risultato regolarmente residente mentre l’altro, in attesa dell’esito del ricorso presentato al Tribunale di Catanzaro contro il rigetto dell’istanza dell’asilo politico, per reati commessi in quella città.