Si aggiravano con fare sospetto tra i condomini della zona di via Leonardo Da Vinci a Terni, due nomadi di origine serba di 16 e 21 anni rintracciate dalla polizia, grazie alla segnalazione al 113 di un cittadino. Per la più grande, incinta, è stato disposto il foglio di via obbligatorio da Terni per tre anni, mentre la minorenne è stata affidata ad una comunità. Entrambe sono state accompagnate in questura e fotosegnalate ed è emerso che avevano decine di precedenti in varie parti d’Italia per furto in abitazione e possesso di arnesi atti allo scasso. Nel corso dei controlli del fine settimane sono state controllate complessivamente 198 persone, di cui 100 risultate con precedenti penali e di polizia. Le pattuglie della Volante hanno attivato posti di controllo nelle vie di accesso alla città e alla stazione per prevenire il “pendolarismo criminale” soprattutto dalla Capitale. Rintracciato anche un romeno di anni 45 residente a Mantova, colpito da un ordine di cattura per espiare una pena di quattro mesi di reclusione per furto e danneggiamento e due extracomunitari clandestini, denunciati ed espulsi.