Maltrattamenti in famiglia continuati ai danni dei due figli minori: di questo debbono rispondere due conviventi ternani arrestati dai Carabinieri di Terni su ordine del GIP del Tribunale. La misura cautelare scaturisce dai gravi comportamenti posti in essere dagli indagati che i militari, seguendo le indicazioni del Pubblico Ministero titolare del relativo fascicolo processuale Elisabetta Massini, hanno accertato con un’accurata ma rapida attività investigativa. La delicata indagine ha preso le mosse da una segnalazione dei Servizi Sociali che hanno raccolto una serie di problematiche nella gestione dei minori pervenute sia dall’assistente sociale, che dall’ambito scolastico e sanitario, nonché da alcuni conoscenti della coppia. I due minori, entrambi in tenera età e malati da prendere una pensione di invalidità, erano trattati con violenza fisica, verbale e psicologica. Oltre ad essere oggetto di botte, parolacce e minacce, non ricevevano dai genitori nessuna cura né della persona né morale. Accuditi in maniera superficiale ed inadeguata da un’amica convivente della coppia, i bambini, costretti a vivere in un appartamento tenuto in scarse condizioni igienico-sanitarie, erano malnutriti e abbandonati a loro stessi.