E’ stato rinviato per l’astensione dalle udienze degli avvocati penalisti il processo con rito abbreviato, che era programma oggi presso il Tribunale di Terni, nei confronti di cinque delle sei persone accusate di omicidio, rapina e sequestro di persona nell’ambito dell’indagine per la morte del 91enne Giulio Moracci, avvenuta il 28 aprile scorso nella sua casa di Gabelletta.

Alla sbarra tre cittadini rumeni, i due autori materiali della violenta aggressione, più il palo che li stava aspettando in auto e gli ideatori della rapina finita in tragedia, un ternano e un romano. Il giudice per le udienze preliminari, Maurizio Santoloci, dovrà decidere se accettare la richiesta di rito abbreviato, condizionato all’acquisizione di ulteriori perizie medico-legali sulle cause della morte di Giulio Moracci, presentata dai difensori.

C’è una sesta persona indagata nella vicenda, si tratta della colf di casa Moracci, Angela Cioce che ha sempre respinto tutte le accuse e che ha scelto di difendersi nel processo ordinario che inizierà il 16 febbraio 2016.