In Italia grazie ad un permesso per motivi umanitari, al ritorno da un viaggio a Roma sono stati fermati alla stazione di Terni con tre panetti di hascisc, per un totale di un etto e mezzo, nascosti nelle scarpe da ginnastica. Si tratta di due richiedenti asilo di 19 e 29 anni, il primo del Gambia, il secondo della Guinea Bissau, arrestati dalla sezione Antidroga della Squadra Mobile di Terni. I poliziotti, alla stazione ferroviaria, hanno visto i due parlottare e poi salire sul treno per Roma, dividendosi, come se non si conoscessero. Hanno atteso il loro ritorno dalla Capitale, nel primo pomeriggio, quindi quando sono scesi dal treno insieme per prendere due direzioni diverse, li hanno bloccati. Oltre alla droga gli agenti hanno sequestrato, nelle loro abitazioni, anche 1.500 euro in contanti, un coltello, una forbice e materiale per confezionare dosi da spacciare. Dalle verifiche è emerso che entrambi sono in attesa della decisione della Commissione per i rifugiati politici in merito alla loro richiesta di asilo. Il19enne è arrivato a Terni da qualche mese, alcuni giorni dopo essere sbarcato in Sicilia ed affidato ad un’associazione che gli ha fornito vitto e alloggio, come al complice, sbarcato invece nel 2014.