Spaccio all’interno del parco Rosselli di Terni. Per questo sono finiti in manette due giovani della Gambia, un 20enne ed un 26enne, sorpresi dai carabinieri a cedere droga ad un 29enne operaio di origini campane residente in città, segnalato alla prefettura come assuntore. Quest’ultimo è stato notato dai militari dell’aliquota operativa, durante alcuni servizi di osservazione, entrare nel parco dall’ingresso principale e avvicinarsi alla coppia di extracomunitari nei pressi di una panchina. I due hanno allora raggiunto una siepe vicina, dalla quale hanno raccolto da terra un involucro poi ceduto al ragazzo, che a sua volta ha consegnato loro il denaro. Una volta fermato, il 29enne è stato trovato in possesso di sette grammi di hascisc, appena acquistati a 30 euro. I due pusher, entrambi clandestini, sono stati invece trovati in possesso di 110 euro. Nella siepe i carabinieri hanno inoltre recuperato una cinquantina di grammi di hascisc, alcuni grammi di marijuana, oltre a due coltelli di grandi dimensioni. Oltre alla detenzione e spaccio di stupefacenti ai due è stato contestato anche il porto abusivo di armi da taglio. Nel corso del rito direttissimo il giudice ha convalidato gli arresti e disposto la custodia in carcere dei due fino all’udienza del processo.