Nel marsupio avevano nascosto un lonza, della bresaola e degli arrosticini, il tutto per un valore di 50 euro: per questo due romeni di 26 e 49 anni sono stati denunciati per furto aggravato in concorso dalla polizia, dopo essere stati fermati in un supermercato di Terni. A chiedere l’intervento degli agenti è stato il direttore del negozio che aveva già accertato i prelievi dei due senza pagare ma pensava si trattasse di persone in difficoltà e non aveva mai sporto denuncia. Quando sono stati bloccati, però, nel marsupio i due avevano anche 50 euro, con i quali avrebbero potuto pagare la spesa. I due romeni – che verranno anche allontanati dal territorio nazionale – sono stati identificati nell’ambito dei controlli della polizia contro l’immigrazione clandestina. Alla frontiera sono stati accompagnati un albanese di 40 anni, espulso per pericolosità sociale dopo alcuni reati per droga, ed un tunisino di 28, già inquisito per spaccio e rissa, trovato in un bar della prima periferia della città. Portato in questura ha dato in escandescenze ed ha danneggiato la stanza delle persone fermate, quindi è stato denunciato. Un altro tunisino, 20enne, è stato bloccato dagli agenti dopo aver cercato di dileguarsi alla vista della polizia, in quanto già colpito da un ordine di espulsione al quale non aveva ottemperato. Per questo è stato denunciato e nuovamente espulso. Dall’inizio dell’anno a Terni sono state 200 le espulsioni disposte dalla polizia, con una media di circa un allontanamento al giorno.