Un agente della polizia penitenziaria è rimasto ferito, non gravemente, durante una colluttazione con un detenuto avvenuta nel carcere di Terni. In base a quanto riferisce la stessa polizia penitenziaria l’uomo, un 39enne rinchiuso nella sezione di media sicurezza, avrebbe reagito al controllo durante una perquisizione personale. Nell’azione di contenimento l’agente ha riportato ferite lievi ad una mano ed è stato medicato al pronto soccorso dell’ospedale. Per il sindacato Sappe l’aggressione avrebbe coinvolto anche un altro detenuto (per spaccio di stupefacenti come il 39enne) e altri tre agenti della penitenziaria, intervenuti alle urla del collega. Il sindacato torna quindi a denunciare “l’evidente pessima organizzazione lavorativa e detentiva della struttura ternana”. Il segretario generale Donato Capece, che nei giorni scorsi ha fatto visita alla struttura, sollecita l’intervento del ministro della Giustizia Andrea Orlando e dei vertici dell’amministrazione penitenziaria centrale e regionale.