Sono 59 i provvedimenti di allontanamento emessi dall’inizio dell’anno dalla questura di Terni nei confronti di cittadini comunitari e 132 i decreti di espulsione nei confronti di quelli extra-comunitari. Tra questi ultimi, 18 sono stati accompagnati coattivamente nei Centri di identificazione ed espulsione per essere rimpatriati e quattro direttamente in frontiera dall’Ufficio immigrazione. I dati sono stati diffusi oggi dalla questura che ha potenziato i controlli nell’ambito di una strategia operativa indicata dal dipartimento di Pubblica sicurezza. Gli ultimi due stranieri allontanati, ieri, sono due romeni di 47 e 37 anni, già inquisiti per reati predatori e colpiti da un provvedimento per motivi di sicurezza pubblica. I due sono stati fermati nel centro città nell’ambito di un servizio di controllo, svolto dalle Volanti e dal Reparto prevenzione crimine Umbria Marche, anche nelle zone di Collestatte paese e San Liberatore, disposto in seguito a quanto emerso nel corso della riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Durante l’attività sono state identificate 72 persone, di cui 15 con precedenti penali e di polizia e controllati 28 veicoli.