Ha chiesto di essere processato con il rito abbreviato, condizionato alla deposizione di due testimoni, Andrea Arcangeli, commesso di 45 anni di Terni accusato dell’omicidio di Victor Marian Iordache, il romeno trovato morto, nel luglio 2014, nella campagne di Stroncone. L’istanza è stata avanzata dagli avvocati dopo che il gip aveva accolto la richiesta di giudizio immediato avanzata dal pm. Arcangeli ha sempre sostenuto di non aver voluto uccidere il romeno, al quale ha sparato un colpo di pistola alla testa al termine di una lite avvenuta nel garage della propria abitazione di via Mola di Bernardo. Il corpo della vittima, ritrovato tre mesi dopo la scomparsa, era stato poi sepolto nelle campagne sotto uno spesso strato pietre, sacchi di terriccio, cemento e calce.