Ha reagito con violenza al tentativo di un poliziotto di bloccarlo, costringendo l’agente (cui ha anche spaccato il cellulare di servizio) a ricorrere alle cure dei sanitari per contusioni multiple, un 43enne di Fabriano arrestato dal personale della Squadra Volante di Terni, per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale dopo un lungo inseguimento per la città durante il quale ha molestato diversi gestori e clienti di locali pubblici e operatori del 118. L’uomo (che ha già riportato varie condanne per reati di elevato allarme sociale e in materia di stupefacenti) sabato mattina è stato visto spogliarsi e sdraiarsi nella fontana di piazza Europa, dopo aver ribaltato, prendendoli a calci, tavoli e sedie di un bar di piazza della Repubblica. All’arrivo degli agenti il 43enne ha cercato di fuggire, a torso nudo, ma è stato bloccato in corso del Popolo e portato in questura. Durante l’identificazione, visto che era senza documenti, ha dichiarato di sentirsi male, ma quando gli operatori del 118 lo hanno portato al pronto soccorso ha fatto perdere le sue tracce. Al 113 è arrivata poco dopo la segnalazione che l’uomo stava molestando i clienti di un bar in via Tristano di Joannuccio. Il 43enne, seduto ad un tavolo davanti a numerose bottiglie, è scappato all’arrivo della pattuglia, senza pagare il conto. E’ stato quindi inseguito e quando gli agenti lo hanno raggiunto li ha presi a calci, prima di essere ammanettato definitivamente ed arrestato.