Il giudice monocratico del tribunale di Terni Angelo Matteo Socci ha dichiarato il non doversi procedere nei confronti di un imprenditore accusato di omesso versamento di alcune centinaia di migliaia di euro di imposta sul valore aggiunto. L’uomo aveva già pagato la sanzione amministrativa del 30% rispetto all’importo non versato. Il giudice Socci ha applicato in via diretta la decisione della Corte europea dei diritti dell’uomo relativa alla sentenza “Grande Stevens” del 4 marzo 2014 che ha sancito la dichiarazione di non doversi procedere in base al principio giuridico per il quale non si può essere processati due volte per lo stesso fatto.