Oltre 50 carabinieri del Comando Provinciale di Viterbo, in collaborazione con i militari dei Comandi Provinciali competenti territorialmente, 25 militari del Noe di Roma, e 38 agenti della Polizia Stradale di Viterbo sono impegnati dalle prime ore del mattino nelle province di Viterbo, Roma, Terni e Latina nell’esecuzione di 9 ordinanze di custodia cautelari agli arresti domiciliari emesse dal Gip del Tribunale di Viterbo nei confronti di altrettanti destinatari responsabili a vario titolo ed in concorso tra loro di truffa, frode in pubblica fornitura, falso materiale, falso ideologico, abuso d’ufficio nella gestione dei rifiuti nell’ambito della Provincia di Viterbo nonché nella raccolta e igiene urbana della Città di Viterbo.

Tra questi anche Francesco Zadotti presidente della Ternana Calcio. In corso di esecuzione anche nove perquisizioni negli uffici amministrativi di Enti pubblici a carico di funzionari addetti al settore rifiuti nonché presso le sedi legali ed operative delle società oggetto di indagine ed il sequestro condizionato di un impianto di trattamento meccanico biologico dei rifiuti.

Una delle nove ordinanze di custodia cautelare è stata eseguita anche a Terni.

A finire ai domiciliari è stato il 56enne ternano Maurizio Tonnetti, consigliere di “Viterbo Ambiente” e direttore della Divisione ecologia e ambiente di Cosp Tecno Service. I dirigenti di quest’ultima, spiegano comunque come “l’azienda ternana sia completamente estranea alle indagini ed alle accuse mosse al 56enne”. Non risulterebbero, al momento, perquisizioni in strutture o società aventi sede in Umbria.