La Corte d’Appello di Torino ha ridefinito le pene per i sei manager della Thyssen, già condannati per omicidio colposo e altri reati in seguito all’incidente avvenuto nel dicembre 2007, quando nello stabilimento torinese morirono sette operai travolti dalla fuoriuscita di olio bollente.

L’ex amministratore delegato Harald Espenhahn è stato condannato a 9 anni e 8 mesi, 6 anni e 10 mesi a Marco Pucci e Gerald Priegnitz, 7 anni e 6 mesi a Daniele Moroni, 7 anni e 2 mesi a Raffaele Salerno, 6 anni e 8 mesi a Cosimo Cafueri.

Protestano i familiari delle vittime che si dicono “profondamente delusi e insoddisfatti”.