La procura di Terni ha chiuso le indagini sulla compravendita del Castello di San Girolamo di Narni, che vedono coinvolto l’ex vescovo della Diocesi di Terni, Narni ed Amelia, Terni, Monsignor Vincenzo Paglia, attuale presidente del Pontificio consiglio per la famiglia.

Al prelato e agli altri nove indagati, tra cui il vicario episcopale Francesco De Santis e il presidente dell’Istituto diocesano per il sostentamento del clero, Giampaolo Cianchetta, verranno notificati gli avvisi di conclusione delle indagini preliminari. Le accuse, a vario titolo, vanno dall’associazione a delinquere alla turbativa d’asta, alla truffa. al riciclaggio.

L’indagine e’ stata condotta dal sostituto procuratore Elisabetta Massini.

Mons. Paglia, che ha spiegato di non aver ancora ricevuto alcun avviso di conclusione delle indagini preliminari, ha detto di “essere a disposizione dell’autorita’ inquirente e di confidare totalmente anche nella giustizia terrena”, ritenendo, però, “singolare il fatto di vedere notificato tutto cio’ alla stampa prima che al sottoscritto”.