Cambio al vertice della Squadra Mobile di Terni: il vice questore aggiunto Alfredo Luzi ha preso il posto di Francesco Petitti, che andrà a ricoprire l’incarico di funzionario addetto alla Divisione anticrimine. Romano, 49 anni e in polizia dal 1983, Luzi ha lavorato a Genova, Sestri Levante e nella Capitale, dov’è stato vice dirigente delle Volanti e poi direttore della sezione Indagini balistiche del Servizio di polizia scientifica nella direzione centrale della polizia criminale. Tra le sue specializzazioni, infatti, vi è quella di esperto balistico, certificata anche dal Federal bureau of investigation di Quantico, negli Stati Uniti, che gli ha permesso di essere nominato consulente tecnico a capo della commissione multidisciplinare d’inchiesta per l’omicidio di Nicola Calipari, avvenuto nel 2005 a Baghdad e sempre nello stesso anno per la morte di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin. Dal 2008 fino al suo arrivo a Terni ha diretto numerosi commissariati romani. “Inizierò subito a lavorare per conoscere le peculiarità del territorio – ha spiegato Luzi – in sinergia con il questore abbiamo predisposto una scaletta di interventi per infondere maggiore sicurezza ai cittadini e arrivare al più presto a risultati tangibili”.