Falso allarme bomba al Comune di Terni.

A farlo scattare una telefonata giunta in questura intorno alle 13,30 che annunciava la presenza di un ordigno esplosivo presso la residenza municipale ternana di Palazzo Spada.

Le Forze dell’ordine hanno immediatamente attivato la procedura di emergenza, sgomberando il palazzo comunale ed interdendo l’intera zona al traffico ed al passaggio pedonale.

Il caso è stato comunque risolto in breve dagli agenti della Digos che sono riusciti ad individuare l’autore della telefonata, un 44enne ternano, gia’ inquisito in passato per reati che vanno dai maltrattamenti alle lesioni al porto abusivo di armi.

L’uomo, denunciato per procurato allarme, è apparso molto agitato e per questo condotto in ospedale per accertamenti.

La verifica sulla presenza della bomba a Palazzo Spada è stata interrotta intorno alle 14,30 quando è cessato l’allarme rendendo a quel punto non più necessario l’intervento degli artificieri.

Sul posto, oltre ai vigili del fuoco, la polizia, i carabinieri, la polizia municipale, il 118 e la protezione civile è intervenuto anche il Sindaco di Terni, Leopoldo Di Girolamo per seguire da vicino l’evolversi della situazione.