Si sarebbero finti normali clienti per poi rubare due anelli, dopo avere distratto la titolare, in una gioielleria di Amelia, due uomini di Penna in Teverina, zio e nipote di 50 e 32 anni, denunciati per furto aggravato in concorso dai carabinieri. Indagato per ricettazione anche il titolare di una gioielleria di Orte, dove sono stati recuperati gli oggetti rubati. Zio e nipote si sono fatti mostrare numerosi anelli con la scusa di dover scegliere un regalo per la moglie del più giovane, aggiungendo poi che sarebbero tornati successivamente con l’interessata. In realtà, dopo avere distratto con chiacchiere e richieste di spiegazioni la titolare, sola nel negozio, sono riusciti a impossessarsi e nascondere i due anelli in oro bianco, per un valore complessivo di quasi mille euro. Quando la donna si è resa conto dell’ammanco ha chiamato i carabinieri, che sono riusciti a rintracciate i due grazie alla descrizione fornita dalla titolare e ai filmati dell’impianto di video ripresa a circuito chiuso del negozio.