Avrebbero permesso di confezionare 24 mila dosi da spacciare in occasione delle feste di San Valentino, i 650 grammi di cocaina purissima sequestrati a Terni ad un albanese di 38 anni arrestato dalla polizia. La droga, secondo gli investigatori, una volta venduta avrebbe fruttato oltre 100 mila euro. L’uomo era arrivato in città da Milano in treno, ma è stato fermato per un controllo alla stazione dalla polizia ferroviaria. Ben vestito e apparentemente sicuro di sè, alla richiesta di documenti si è emozionato, tanto da non trovare il passaporto. E’ stato quindi portato negli uffici e quando ha capito che sarebbe stato perquisito dagli agenti della Sezione Antidroga, dalla tasca del giaccone ha estratto un grande involucro contenente un panetto di sostanza bianca. In questura, con la comparazione delle impronte digitali, è emerso che l’uomo, in Italia da oltre 10 anni e sempre irregolare, era già stato inquisito in passato con tre alias diversi, per spaccio, oltre ad aver trascorso un periodo di detenzione per la violazione della legge sull’immigrazione.