La Polizia di Stato di Terni ha portato a termine un’operazione, iniziata alle prime ore della mattina, che ha portato all’arresto di dodici persone. Devono tutte rispondere di associazione a delinquere, furto in appartamento, ricettazione, spaccio di droga e sfruttamento della prostituzione.

Le indagini della squadra Mobile della Questura ternana hanno preso le mosse in seguito ad un controllo all’aeroporto di Fiumicino, quando un albanese residente a Terni diretto a Dublino ha mostrato una carta d’identità, poi risultata rubata in un’abitazione di Borgo Rivo ad una donna, alla quale lo straniero aveva sostituito fotografia e cambiato il nome. Da lì gli investigatori sono risaliti ai suoi amici e parenti residenti in città. È stato accertato che metà della banda si occupava di spaccio, l’altra metà si dedicava ai furti in appartamento: ne avrebbero compiuti oltre 50 tra dicembre e gennaio scorso, soprattutto in piccoli centri del ternano e del viterbese.

L’operazione ha subìto una accelerazione quando gli inquirenti hanno avuto la certezza che gli arrestati stavano progettando una rapina in villa, con eventuale sequestro di persona. Ma la polizia non esclude che gli arrestati possano aver avuto un qualche ruolo o essere collegati all’omicidio di Gabriella Zelli Listanti avvenuto nella sua abitazione di Santa Maria Maddalena il 13 gennaio scorso.