Sono stati arrestati dalla Squadra Mobile i due complici della donna conosciuta come la “Nikita di Salerno”: con lei, il 4 maggio 2012, avrebbero rapinato l’ex Carit di via Narni a Terni, portando via 10 mila euro armati di taglierino. Dopo la quarantunenne, bloccata il 12 dicembre scorso nel capoluogo campano sempre dalla mobile, sono stati infatti identificati e fermati anche un 55enne ed un 56enne di Napoli, già arrestati e condannati in passato per rapine commesse su tutto il territorio nazionale. Il colpo di Terni – hanno accertato i poliziotti – era il secondo che commettevano insieme. L’ordine di custodia cautelare in carcere, disposto dal gip Simona Tordelli su richiesta del pm Barbara Mazzullo, è stato eseguito a Napoli e i due sono stati portati nel carcere di Poggio Reale.