Sono terminati oggi pomeriggio i controlli della Polizia Stradale e della Guardia di Finanza che, insieme alla ASL, hanno fermato 23 veicoli industriali adibiti al trasporto di generi alimentari e di animali vivi. I controlli, finalizzati al contrasto delle merci adulterate e alla verifica del rispetto delle norme sanitarie, rientrano nelle disposizioni fissate nel protocollo d’intesa, firmato in Prefettura tra le Forze dell’Ordine e la locale ASL, sul trasporto dei prodotti agro-alimentari e degli animali vivi. Non solo merci adulterate, quindi, ma anche animali destinati alla macellazione o ad essere regalati per Natale, principalmente cuccioli. Tra i veicoli fermati, italiani e stranieri, 8 trasportavano animali e 15 prodotti alimentari, sia freschi che surgelati. Proprio ad un trasportatore di prodotti ittici, in viaggio da Fiumicino a Cesena, è stata elevata una multa di 1.000 euro perché la temperatura riscontrata nella cella non era adeguata. La merce, 60 kg di cannolicchi, è risultata comunque in buone condizioni e per questo non è stata sequestrata. Dopo aver ripristinato la temperatura prevista, al veicolo è stato permesso di ripartire. Le altre violazioni, in tutto 20, hanno riguardato infrazioni al Codice della Strada, le più gravi: il mancato rispetto dei tempi di guida e della velocità. Tre autisti, tutti stranieri, sono stati multati per aver superato le ore di guida: provenienti dall’estero, la prima sosta l’hanno fatta quando sono stati fermati dalla Polizia. Altri quattro, per aver superato i 70 km/h.