I carabinieri della sezione di polizia giudiziaria della procura di Perugia, in collaborazione con quelli di Firenze della tutela del patrimonio culturale, hanno recuperato oggetti preziosi, mobili d’epoca e opere d’arte, per un valore di circa tre milioni di euro, rubati nell’aprile scorso – dalla tenuta ginevrina di Patrick Heiniger, già amministratore della famosa società costruttrice di orologi Rolex, morto l’anno scorso.

Denunciati per ricettazione due imprenditori perugini, di 53 e 47 anni, per ricettazione.

Le iniziali indagini svolte dalla polizia
elvetica avevano permesso di arrestare i tre autori del furto, tra cui due cittadini italiani.
Dalle successive indagini – secondo quanto spiegato dai Carabinieri – è poi emerso il coinvolgimento dei due imprenditori perugini ai quali era stato affidato il compito di portare in luogo sicuro la refurtiva e cercare di trarne il maggior vantaggio economico. 
Le perquisizioni hanno consentito di recuperare la quasi totalita' delle opere d'arte e del mobilio. Mancavano all'appello due opere d'arte e un mobile rintracciati e recuperati a Monza, dove erano stati portati per farli valutare. 
Tutta la refurtiva e' ora in attesa di essere restituita ai legittimi proprietari.