Nuova truffa ai danni di un’anziana da parte di un sedicente finto avvocato che è riuscito a farsi consegnare, da un’ottantasettenne di Terni, quattro bracciali in oro con la scusa di dover sbloccare alcune pratiche per conto del figlio. L’episodio viene segnalato dalla polizia, dopo che nei giorni scorsi una denuncia analoga era stata presentata ai carabinieri di Narni. “Signora, suo figlio è stato coinvolto in un incidente stradale a Viterbo e dato che ha dei problemi con i documenti è stato fermato dalla polizia” è quanto avrebbe detto il sedicente avvocato alla donna, contattandola al telefono fisso. “Io sono il suo avvocato e per far sbloccare la pratica ho bisogno di 3.500 euro” ha aggiunto. Il sedicente avvocato le ha poi passato al telefono un uomo che, a voce molto bassa, si è spacciato per il figlio, confermando quanto detto prima. L’avvocato ha quindi spiegato alla donna che di lì a poco sarebbe passato a casa sua un suo collaboratore, al quale l’anziana ha consegnato i quattro bracciali, che le sarebbero stati restituiti dopo il rilascio del figlio. Alla porta della signora ha suonato un distinto signore italiano, alto circa 1,80 metri, con indosso un abito grigio. Solo dopo la consegna la donna ha raccontato quanto successo alla figlia, che si e’ presentata in questura per la denuncia che ha avviato le indagini.