La Presidente della Giunta regionale dell’Umbria, Catiuscia Marini, ha espresso “il plauso alle Forze dell’ordine, ai Ros dei Carabinieri, alla Magistratura ed alla Procura regionale e nazionale antimafia, per questa operazione che ha stroncato una pericolosissima azione criminosa che aveva già colpito alcuni settori della nostra economia, in particolar modo i settori dell’edilizia e della ristorazione”.

La governatrice umbra ha detto di sentirsi “rassicurata dalle parole del procuratore nazionale Antimafia, Franco Roberti, su un’Umbria forte di anticorpi che ci consentono di reagire ai tentativi di infiltrazione nella nostra regione da parte di grandi organizzazioni criminali”.

“La presenza nella nostra regione, tra i nostri imprenditori e tra i cittadini, di forti anticorpi – rileva la presidente – la diffusa e convinta fiducia sia nei confronti delle forze dell’ordine che della magistratura, hanno consentito quel rapporto collaborativo indispensabile per far sì che una inchiesta di tale rilevanza ed ampiezza potesse colpire e smantellare un insidioso e pericoloso radicamento nei nostri territori di una organizzazione criminale come la ‘ndrangheta”.

“Un tessuto economico e sociale sano, l’assenza di collusioni con le nostre pubbliche amministrazioni e con la politica – sottolinea – dimostrano un’Umbria onesta che è capace di respingere infiltrazioni di grandi organizzazioni criminali. Occorre in ogni caso continuare a vigilare, e denunciare ogni fenomeno o comportamento anomalo, collaborare con le forze dell’ordine e con la magistratura, perché – conclude la presidente Marini – soprattutto di fronte ad una crisi economica ancora forte restano sempre alti i rischi di infiltrazioni”.