Lavorava regolarmente come pizzaiolo in un locale di Terni ma, secondo gli investigatori, si dedicava anche allo spaccio di droga, un colombiano di 30 anni posto ai domiciliari dai carabinieri del nucleo investigativo dopo essere stato trovato in possesso di 20 grammi di cocaina. Il giovane, residente in città, era da tempo controllato a vista dai militari nei suoi spostamenti pomeridiani. E’ stato quindi fermato all’ingresso del locale dove lavorava, ma pur non avendo droga con sè e in macchina, si è mostrato piuttosto irrequieto. I militari hanno allora deciso di proseguire la perquisizione a casa, dove, all’interno di un calzino nel comodino della camera da letto, è stato trovato un sacchetto con la cocaina. Durante la direttissima l’arresto è stato convalidato e il colombiano rimesso in libertà.