Grazie all’importante e proficua collaborazione con l’amministrazione comunale di Spello, l’Azienda Usl Umbria 2 attiverà, mercoledì prossimo, 19 maggio, il nuovo Punto Vaccinale Territoriale nel Centro Polivalente Ca’ Rapillo, in via Acquatino.

La nuova sede vaccinale dell’azienda sanitaria, in cui opereranno due team sanitari del distretto di Foligno diretto dalla dr.ssa Giuliana Fancelli, sarà operativa cinque giorni a settimana dal mercoledì alla domenica, con orario continuato 8.30 – 19.30, per assicurare sino a 260 vaccinazioni al giorno, 130 la mattina e 130 il pomeriggio. Nelle giornate di lunedì e martedì, invece, la struttura sarà a disposizione dei medici di medicina generale sempre per consentire lo svolgimento dell’attività vaccinale.

Per mettere a punto la macchina organizzativa in vista dell’importante appuntamento, sabato 15 maggio, verrà effettuata un’apertura mattutina della nuova sede, dalle ore 8 alle ore 14, per somministrare circa 60 dosi a cittadini prenotati che non si sono presentati nella seduta vaccinale di domenica scorsa.

“La nuova postazione nel centro polivalente di Spello, attivata grazie alla collaborazione con l’Amministrazione comunale e con le associazioni del territorio – spiega il direttore generale dell’Azienda Usl Umbria 2 Massimo De Fino – ci consentirà di imprimere un’ulteriore accelerazione alla campagna vaccinale anti Covid agevolando, attraverso un’organizzazione diffusa e capillare, l’accesso dei cittadini alle nostre sedi. Abbiamo individuato una struttura facilmente raggiungibile, ben collegata e confortevole, in grado di accogliere al meglio sia i team sanitari che i cittadini che, dai prossimi giorni, effettueranno la vaccinazione”.

“Sin dalla prospettata apertura di un secondo punto vaccinale territoriale, l’Amministrazione Comunale di Spello – commenta il Sindaco Landrini – si è resa disponibile proponendo il centro polivalente Ca’ Rapillo in virtù dei favorevoli aspetti logistici e strutturali che lo caratterizzano: la prossimità del presidio Ospedaliero di Foligno, la posizione baricentrica territoriale e l’accessibilità. In stretta sinergia con l’Azienda Usl Umbria 2 guidata dal direttore generale Massimo De Fino e con il commissario regionale per l’Emergenza Massimo D’Angelo si è proceduto affinché si potesse giungere all’operatività di questo importante secondo punto vaccinale a favore dell’ambito sociale n. 8. Disporre di un centro polivalente come questo – continua Landrini – assume oggi un’importanza fondamentale per il territorio a sostegno della campagna vaccinale, pur auspicando che quanto prima possa ritornare alle sue finalità originarie di socialità. Ringrazio il Comitato per Acquatino che nel corso degli anni con dedizione ha custodito questo importante bene pubblico”.