L’emergenza covid non ferma la cerimonia di premiazione che ormai da dieci anni viene organizzata per ricordare Nicola Marrone, volontario ternano doc, una vita spesa per gli altri.

Giunto alla decima edizione e quest’anno dedicato alle donne, il Premio Nicola Marrone per il sociale viene assegnato a persone e associazioni che abbiano dato un contributo nel campo del volontariato, della promozione sociale, della tutela ambientale, della cultura e del giornalismo.

Fu istituito nel primo anniversario della scomparsa di Nicola che, il 22 gennaio 1989, fondò il primo Centro sociale del comune di Terni – il Guglielmi – del quale divenne presidente e guida per i successivi diciannove anni.

Su suo impulso l’associazione ha partecipato, nel 1990, alla costituzione di Ancescao e alla sua diffusione a Terni e in Umbria.

“Un riconoscimento sentito e più che dovuto ad una figura di primo piano del volontariato e del sindacato ternani, che ha trascorso una vita in difesa degli anziani, degli indigenti, dei dimenticati” dice Lorenzo Gianfelice, che guida il centro sociale di vico della Fontanella, nel cuore del rione de’ Fabri.

L’appuntamento con la premiazione è per domani, sabato 26 settembre, alle 15 e 30, nella sala polivalente del Centro servizi per il volontariato, in via Montefiorino, a Terni.

Dove saranno individuati cinquanta posti a sedere numerati e distanziati nel rispetto delle misure per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19. L’accesso sarà consentito previa prenotazione sulla piattaforma Eventbrite (https://www.eventbrite.it/e/biglietti-premio-nicola-marrone-per-il-sociale-2020-117844842095) oppure contattando la segreteria del Centro sociale al numero 393 9890599

Il Premio Nicola Marrone per il Sociale è promosso dall’odv Guglielmi, dall’aps Rete sociale Guglielmi e dalla struttura comprensoriale Ancescao “Umbria Sud”, con il patrocinio della Regione Umbria, della Provincia e del Comune di Terni e del Cesvol Umbria.