Il pozzo di San Patrizio di Orvieto più forte del Covid. Nello scorso mese di luglio, l’opera realizzata da Antonio da Sangallo Il Giovane ha infatti registrato circa 20 mila ingressi, 19.794 per la precisione, il 7,5% in più rispetto allo stesso mese del 2019.

“E’ un dato davvero rilevante – ha commentato il sindaco e assessore al Turismo di Orvieto Roberta Tardani – se si pensa che gli accessi sono contingentati per motivi di sicurezza e che in questa estate mancano quasi totalmente i flussi di turisti stranieri e in particolare quelli americani. Sappiamo che questo non basta – prosegue Tardani – e che non risolverà in termini immediati la crisi del settore turistico nella fase post Covid, ma si tratta di un’incoraggiante punto di ripartenza per poter riprendere la strada iniziata nei mesi scorsi”.