Costerà il 20 per cento in meno mandare i propri figli ai centri estivi a Narni. Lo annuncia l’assessore alle politiche sociali, Silvia Tiberti, che rende noto come il Comune abbia deciso l’ampliamento degli orari e l’abbattimento dei costi per le famiglie. Per quanto riguarda le rette il Comune ha stabilito una compartecipazione al pagamento per il 20 per cento prevedendo anche sostegni economici per i soggetti organizzatori, relativamente alla logistica.

Fra le novità principali c’è l’organizzazione di un centro estivo a carattere sperimentale, ad agosto, in collaborazione con l’Azienda pubblica di servizi alla persona Beata Lucia. “Questo centro – spiega la Tiberti – vedrà una totale flessibilità dell’offerta dal momento che sarà aperto sia la mattina che il pomeriggio fino a tardi, per andare incontro alle esigenze delle famiglie”.