Progetto innovativo nei centri diurni dell’unità operativa Psicologia disabili adulti dell’Usl Umbria 2, chiusi a seguito delle norme anticontagio da coronavirus, in sostituzione dei quali, oltre ad interventi domiciliari individuali, è stato attivato il servizio alternativo delle video chiamate di gruppo per supportare le famiglie ed assistere gli utenti. L’attività ha già mosso i primi passi e – riferisce una nota dell’azienda sanitaria – si sta rivelando molto efficace.

“Abbiamo chiesto ai nostri servizi – ha affermato il commissario straordinario Massimo De Fino – di mettere in campo idee nuove ed uno sforzo straordinario per non lasciare soli i soggetti con disabilità e le loro famiglie in questo momento drammatico di emergenza sanitaria. La tutela delle persone fragili è per noi un elemento centrale e prioritario”.