“Esistono delle differenze territoriali e regionali importanti e quindi per qualcuno l’ultimo decreto dà troppe possibilità per altri invece, che hanno numeri più contenuti, può avere una chiave di lettura diversa”: lo ha detto la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, sulla possibilità che il territorio possa essere “pilota” per la “fase 2″ per l’emergenza Covid-19.

Lo ha fatto in diretta sulla Rai, questa mattina durante la trasmissione televisiva ‘Mi manda Rai Tre’.

“Quello che è importante – ha sottolineato la Tesei – è che alcune cose devono avere una connotazione più nazionale, delle linee guida valide per tutti. Però poi, ognuno nei propri territori, può coniugarle ed applicarle anche in modo differente a seconda della gestione dell’emergenza”.

Sul piano per la “fase 2″ della Regione Umbria, la presidente ha poi ricordato che “si lavorando con tutte le cautele del caso”.