Sei volontari al lavoro per consegnare a domicilio spesa, generi di prima necessità e farmaci per le persone anziane, bisognose o affette da patologie.

Sono quelli del Club Lampeggiante Blu in campo tra Amelia e dintorni per l’emergenza Covid-19. “Siamo arrivati a garantire una trentina di consegne al giorno tra la città di Amelia e le frazioni – dice Luigi Altavilla, presidente della onlus. Oltre alle chiamate che giungono direttamente dai cittadini abbiamo ampliato il raggio di azione collaborando con un supermercato di Amelia e provvedendo gratuitamente anche alle consegne degli ordini che giungono a loro. Restate a casa – è il suo appello – solo così riusciremo a tornare presto ad abbracciarci”.

La onlus, nata a Roma 12 anni fa su iniziativa di Luigi Altavilla, con un passato nell’intelligence governativa, da un paio d’anni ha sede ad Amelia. Il sogno è di realizzare un museo d’auto d’epoca delle forze dell’ordine.

Settanta vetture che i volontari in questi anni hanno utilizzato per fare del bene: portando regali ai bambini malati ricoverati al Bambino Gesù, girando per gli ospedali con un carico di giocattoli, supportando orfanotrofi in Marocco, consentendo a tanti bimbi di effettuare interventi chirurgici.

“Siamo degli straccioni che con queste macchine vanno a fare del bene tra i poveri” dice Luigi.

Da qualche settimana lui, con sua moglie, Mikelly, con Michele, Paolo, Palmauro, ogni giorno sono impegnati tra Amelia e dintorni ad aiutare gli altri a convivere in modo più sereno con l’emergenza coronavirus.

L’appello del Club Lampeggiante Blu è a tutti i cittadini: “Per qualsiasi necessità non esitate a chiamare il 3203667192. Non uscite di casa. Meno persone girano e più l’obiettivo della quarantena ha un senso”.