Sarà restaurata e messa in sicurezza dall’Università di Viterbo buona parte dei reperti conservati nel cortile d’ingresso del Comune di Amelia. Si tratta di importanti materiali lapidei e rari marmi africani.

Lo annuncia l’assessore amerino alla cultura, Federica Proietti, la quale spiega come Comune e Ateneo, grazie al corso di laurea in conservazione e restauro di materiale lapidico, hanno stipulato una convenzione in base alla quale cinque studenti universitari eseguiranno – per l’intera estate – un intervento di restauro di alcuni dei più importanti reperti presenti.

Gli studenti saranno guidati dalla docente Maria Grazia Chilosi che, su proposta del responsabile del corso, Stefano Angeli, coordinerà un cantiere aperto di modo che gli interventi possano essere seguiti in tutte le loro fasi.