Istituzioni regionali, Arpal – Agenzia Regionale per le Politiche Attive del Lavoro, Enti locali e Terzo Settore a confronto sulle misure di contrasto alla povertà per fornire risposte concrete a chi vive situazioni disagiate nel nostro territorio. L’incontro, organizzato stamani a Villa Umbra dalla Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica, è stato promosso da Regione Umbria e Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali che si avvale del supporto scientifico di Banca Mondiale.

L’evento denominato “La formazione sul patto per l’inclusione sociale nell’ambito del reddito di cittadinanza e del reddito di inclusione” è stato aperto da Cristina Strappaghetti, responsabile settore Sanità e Sociale della Scuola, e ha registrato oltre cento iscrizioni.

Al centro dei lavori il passaggio dal Reddito di Inclusione al Reddito di Cittadinanza, le caratteristiche del beneficio, i requisiti e le modalità di accesso, il flusso di processo e il ruolo di Inps, Anpal, Regioni, Centri per l’Impiego e Servizi sociali dei Comuni. Sotto la lente anche beneficiari e servizi, gli interventi e le piattaforme digitali per l’attivazione e la gestione dei Patti, i progetti di utilità a titolarità dei Comuni, le cause di decadenza e le sanzioni. Questi i temi approfonditi dagli esperti di Banca Mondiale Alessandro Ciglieri, Carlos Chiatti ed Elvira Zaccari. I lavori sono stati conclusi da Paola Casucci, dirigente del Servizio Programmazione socio sanitaria dell’assistenza distrettuale.