Il mondo dell’assistenza sanitaria dell’Umbria si ritrova domani, giovedì 28 febbraio, nella sala convegni “Ugo Mercati” dell’azienda ospedaliera di Perugia per un appuntamento che ricorre da quattro anni, per richiamare attenzione sempre più crescente sulle malattie rare.

Uno dei temi trattati nel convegno sarà il Parkinson che interessa circa 250.000 italiani di cui circa 2.000 umbri. “Ci sono patologie croniche, molto diffuse, come ad esempio il Parkinson, che possono essere considerate rare laddove l’eziopatogenesi sia riconducibile ad un unico fattore genetico (5% dei casi) – dice la responsabile del Servizio di Genetica Medica del S. Maria della Misericordia – ed anche per questo abbiamo voluto dedicare a questa invalidante patologia una parte importante del convegno, affidando il tema al prof. Paolo Calabresi, ricercatore di livello internazionale e al dr. Hladnik, genetista dell’Associazione Baschirotto Institute of Rare Disease di Vicenza, che si occupa di studiare le forme ereditarie di Parkinson”.