“Per assicurare una più tempestiva presa in carico delle donne affette da tumore al seno e potenziare la qualità e l’omogeneità dei percorsi assistenziali, le quattro Breast unit dell’Umbria supereranno la dimensione aziendale e aumenteranno le forme di collaborazione, anche attraverso l’interscambio dei responsabili dell’attività di chirurgia senologica”.

Lo ha reso noto l’assessore regionale alla Sanità, Luca Barberini, dopo che la Giunta, su sua proposta, ha dato mandato alle Aziende sanitarie di “stipulare accordi interaziendali per ottimizzare le attività di chirurgia senologica e i percorsi diagnostici e assistenziali relativi al cancro alla mammella”.

“Negli ultimi due anni – ha spiegato Barberini – in Umbria, per patologie oncologiche, sono stati fatti circa 2 mila interventi chirurgici alla mammella nelle Breast unit istituite nel 2016, presso la Aziende ospedaliere di Perugia e Terni, all’ospedale di Foligno per la Usl Umbria 2 e quello di Città di Castello per la Usl Umbria 1″.